Busalla 30 giugno – 1/2/3 luglio 2022
Clicca qui per scoprire l’anteprima

Festival dello Spazio 2022

CONTRIBUISCI AL FESTIVAL DELLO SPAZIO CON LE TUE IDEE E LE TUE CONOSCENZE

Prenota il tuo biglietto

LA SESTA EDIZIONE

Il Festival dello Spazio di Busalla è un’occasione unica in Italia per condividere gli esiti, i progetti e le “visioni” di una delle più affascinanti avventure della ricerca scientifica. Giunto al suo sesto anno di vita, frequentato e supportato da importanti istituzioni e realtà industriali legate in vario modo all’universo aerospaziale, il Festival è un evento rivolto a tutti, dove si “tocca con mano” la storia straordinaria dell’esplorazione del cosmo e si discute in pubblico del suo oggi e delle sue prospettive prossime venture.

I CONTENUTI DEL FESTIVAL

Il Festival ha un’architettura ormai consolidata: la rassegna di libri spaziali Spacebook, i cantieri della cosiddetta “Space Economy”, il Concorso a premio per un elaborato spaziale interdisciplinare dedicato a giovani studiosi, il tema scientifico spaziale modulato nelle sue diverse sfaccettature da illustri relatori ospiti provenienti da ogni parte d’Italia e non solo, le mostre, le conferenze, le performance e le celebrazioni storiche.

LA SPACE ECONOMY

Quest’anno il panel sulla Space Economy del Festival dello Spazio offre l’occasione di avere, seduti allo stesso tavolo, i principali attori delle infrastrutture satellitari (Esa, Euspa, Asi), che lanciano i bandi di appalto per lo sviluppo di nuovi prodotti e nuovi servizi innovativi a esse collegati. Al Festival sono presenti anche numerose e importanti imprese invitate a raccontare le loro storie di successo…

IL TEMA SCIENTIFICO

Anche in questa sesta edizione del Festival, l’Associazione Festival dello Spazio ha individuato un filo conduttore del programma scientifico. A oggi è ancora top secret, ma si tratta di un tema di grande attualità.

IL CIBO NELLO SPAZIO

Il cibo nello Spazio per gli astronauti lontani nei viaggi extraterrestri è il filo conduttore del programma scientifico. Nella prospettiva del ritorno alla Luna per stabilirvi basi permanenti, si tratta di un tema di grande attualità. A parlarne a Busalla sono presenti esperti di diverse discipline, che affrontano da diversi angoli visuali la sfida alimentare e medica della sopravvivenza in ambiente chiuso e isolato, lontano dalla Terra. Sulla Luna si attenua il problema dell’assenza di peso – non si galleggia come nella Stazione Spaziale – ma sorge il problema della protezione dalle radiazioni fuori dello schermo del campo magnetico terrestre e aumenta lo stress fisico e mentale causato dalle frequenti operazioni in tenuta spaziale, e dalla carenza di risorse che richiede nuove strategie di autonomia rigenerativa. Sulla Luna, infatti, diventa improponibile il continuo rifornimento da Terra ed è necessario ricostruire nell’habitat lunare il sistema biorigenerativo proprio del nostro pianeta, ove il regno vegetale fornisce ossigeno e nutrimento (legumi, ortaggi) al regno animale, che a sua volta restituisce CO2 e nutrimenti (rifiuti che diventano fertilizzanti) al regno vegetale.

Il 2 luglio a Villa Borzino si indaga a più livelli lo stato dell’arte della ricerca su un tema così pieno di implicazioni e così ricco di futuro. E si viaggia, in compagnia di esperti di Agenzie, Università, Istituti di Ricerca e produttori d’avanguardia, lungo una “via celeste” che ci avvicina tanto alla storia del cibo nello Spazio quanto agli aspetti nutrizionali dell’alimentazione spaziale, passando dalle tecnologie concepite ad hoc e dagli scenari di esplorazione futuri all’applicazione per la salute (dell’astronauta) di antiossidanti innovativi.

In una sala della Villa, Coldiretti allestisce una postazione per la degustazione dell’olio EVO (l’extravergine di oliva italiano) che è oggetto di sperimentazione sulla Stazione Spaziale Internazionale, nell’ambito della missione Minerva della quale fa parte l’astronauta italiana Samantha Cristoforetti. Alla degustazione è abbinata anche una sessione di didattica.

IL PROGETTO “EXTRA VIRGIN OIL IN SPACE”

L’Agenzia spaziale italiana ASI in occasione della missione “Minerva con Samantha Cristoforetti sulla Stazione Spaziale ha stretto un accordo con CREA e ha messo a punto un progetto di ricerca spaziale in collaborazione con Unaprol consorzio olivicolo italiano per sperimentare l’olio italiano nell’ecosistema della Stazione Spaziale e valutarne i benefici nella dieta degli astronauti.

Durante il Festival, in una sala della Villa, Coldiretti allestisce una postazione per la degustazione dell’olio EVO (l’extravergine di oliva italiano) che è oggetto di sperimentazione sulla Stazione Spaziale Internazionale. Venerdì, sabato e domenica è possibile seguire una masterclass in un’aula didattica attrezzata con la guida di assaggiatori professionali di oli. Un’occasione unica per approfondire la cultura dell’olio e conoscerne la tecnica ufficiale di degustazione, grazie a cui scoprire “con tutti i sensi” i quattro oli italiani di alta qualità con cui si alimentano gli astronauti in missione. Un progetto di notevole cultura scientifica e di orgoglio italiano che unisce all’avanguardia spaziale del nostro Paese il suo prodotto agroalimentare più importante.

Prenota ora il tuo biglietto alla masterclass di degustazione oli.

SPACEBOOK

Ideata dall’Associazione culturale Contatti, è la prima iniziativa dedicata all’editoria aerospaziale in Italia. Anteprima del Festival, “Spacebook” vuol essere un laboratorio di idee, dove lo Spazio e gli uomini che ci lavorano possano raccontarsi pubblicamente “fuori dalle righe”. In uno dei periodi più incerti e difficili della storia recente, il libro si sta dimostrando un compagno di strada assolutamente necessario, perché offre a lettrici e lettori di ogni età una possibilità di orientamento.

LA BANDIERA EUROPEA E IL COMPUTER PC-GRID

Franco Malerba, il primo astronauta italiano a volare in orbita, restituisce alla Comunità un paio di memorabilia di grandissimo valore simbolico e documentaristico. Si tratta della bandiera dell’UE che volò a bordo dello shuttle Atlantis nel 1992 con la missione STS46 e del computer PC-GRID, usato durante l’addestramento per la missione spaziale, identico a quello di bordo dello shuttle Atlantis. A Festival concluso, entrambi questi oggetti carichi di storia entreranno a far parte della dotazione del costituendo Museo dello Spazio di Villa Borzino.

CONFERENZE-SPETTACOLO E PERFORMANCE

Per Albert Einstein “l’immaginazione abbraccia il mondo, stimolando il progresso, facendo nascere l’evoluzione”. Da sempre, il Festival dà libero corso all’immaginazione, ospitando eventi artistici, performance e conferenze-spettacolo che allargano il grandangolo della visione dello Spazio anche al di là della conoscenza scientifica. Quest’anno, il Festival punta i suoi riflettori sul rapporto che esiste fra scienza e poesia grazie alle parole e ai versi di Bruno Galluccio e su quello che lega la fisica al… cinema mainstream, attraverso le divertenti verifiche scientifiche di Luca Perri.

IL CONCORSO

Inaugurato lo scorso anno, il concorso “Festival dello Spazio” è un invito alla libera scorribanda intellettuale, in prospettiva interdisciplinare. Il Premio è rivolto a giovani studiosi e appassionati, che negli scorsi mesi sono stati chiamati a scrivere un elaborato intorno agli aspetti scientifici, psicologici e culturali delle missioni umane nello Spazio extraterrestre. Fra i tre finalisti selezionati dalla Giuria, il vincitore/la vincitrice è proclamato/a domenica 3 luglio, nella giornata di chiusura del Festival.

Clicca sui pulsanti sottostanti per scaricare bando e regolamento e Le linee guida di partecipazione al concorso.

LE MOSTRE E LE DIMOSTRAZIONI

Come ogni anno, nei giorni del Festival Villa Borzino diventa anche la sede di mostre ed esposizioni scientifiche. Quest’anno ospita la rassegna fotografica Viste della Terra dallo Spazio, una serie d’immagini di luoghi fra noti e sconosciuti del nostro pianeta, prodotta dall’Associazione Festival dello Spazio, e un grande tavolo “lunare” quale ambientazione della nuova linea di set spaziali LEGO®, con quattro costruzioni pronte a conquistare i giovani appassionati da 6 anni in su: il Rover lunare, la Stazione spaziale lunare LEGO City, la Base di ricerca lunare e il Centro spaziale.

A TRENT’ANNI DALLA PRIMA MISSIONE TETHERED

Il satellite Tethered, ovvero “satellite a filo”, fu lanciato per il suo primo volo di prova durante la missione STS-46 dello Space Shuttle Atlantis, fra il 31 luglio e l’8 agosto del 1992. Il trentennale dell’evento è l’occasione giusta per ricordare il debutto dell’ASI nell’astronautica e il contributo dell’Italia alle tecnologie per lo Spazio.

Il Festival dello Spazio di Busalla racconta storia, successi e lavori in corso dell’avventura aerospaziale.

È un appuntamento per tutti, fatto di incontri, mostre, osservazioni astronomiche ed eventi speciali per dire, con linguaggi semplici e di taglio divulgativo, del rapporto fra noi esseri umani e lo Spazio che ci contiene. È un modo di vivere in prima persona i progetti e le missioni di esplorazione oltre i confini della Terra, e di avvicinare l’immaginazione al nostro futuro prossimo venturo.

PRENOTA IL TUO BIGLIETTO

Clicca sul pulsante sottostante per prenotare il tuo biglietto.

I RELATORI
Il programma degli incontri

Anteprima del Festival

Ore 15:00
Spacebook, la libreria dello Spazio
Il “salotto buono” per chi ama leggere e informarsi di Spazio, anche al di là delle pagine di internet. Fra fumetti, libri per ragazzi, avventure (quasi) fanta-scientifiche, memorie autobiografiche, excursus cinematografici, ricognizioni storiche e proiezioni tecnologiche.

Lettura del Manifesto del navigatore dello Spazio di Franco Malerba (dalla rivista “AV”, II)

A seguire, parlano:
Paolo Fizzarotti e Giovanni Mucci (intorno a Eroi interstellari, L’Orto della cultura, 2022)
Giancarlo Genta (intorno a Le porte dell’Inferno, Youcanprint, 2018)
Luca Perri (intorno a La scienza di Guerre Stellari, Rizzoli, 2021)
Amalia Ercoli-Finzi (intorno a Oltre le stelle più lontane, Mondadori, 2021)
Claudio Maccone (intorno a Mathematical SETI, Springer, 2017)
Antonio Lo Campo (intorno a Spazio Made in Italy, Express, 2021)

Ore 17:30

Spazio italiano: dalle origini al progetto San Marco (Italia, 2021, durata 54’)

Film documentario di Marco Spagnoli, scritto insieme a Francesco Rea che ripercorre l’avventura italiana nell’esplorazione dell’universo: da 90 anni fa al futuro.

Con Giovanni Caprara, Bruno Tabacci, Sergio De Julio, Generale Alberto Rosso, Roberto Somma, Massimo Claudio Comparini, Giovanni Anzidei, Luciano Guerriero

Inaugurazione

Ore 9:00

Three Two One Ignition!

Sono invitati:
Loris Maieron, Sindaco di Busalla
Marco Bucci, Sindaco della Città metropolitana di Genova
Nicoletta Dacrema, Prorettrice Vicaria dell’Università di Genova
Giorgio Saccoccia, Presidente ASI (video)
Massimo Comparini, CEO di Thales Alenia Space Italia
Roberto Riccardi, CEO di FDS Italy
Roberto Carpaneto, Project Director di RINA Consulting S.p.A.
Paolo Momigliano, Presidente di Fondazione Carige
Nicoletta Viziano, Vicepresidente della Fondazione Compagnia di San Paolo

Franco Malerba consegna al Museo di Villa Borzino la bandiera dell’UE che volò a bordo dello shuttle Atlantis nel 1992.

La Space Economy

L’economia dello Spazio è uno dei settori più promettenti di sviluppo dell’economia mondiale dei prossimi decenni. La sessione 2022 dell’appuntamento che il Festival dedica ogni anno alla Space Economy fa il punto dello stato dell’arte in Italia di questo importante trend tecnologico e di business, coinvolgendo agenzie, grandi e piccole industrie, startup nazionali e operatori e ricercatori attivi in Liguria.

Ore 11:00

Space Economy: le agenzie, le grandi industrie, l’Accademia e i distretti dell’aerospazio
Fiammetta Diani, EUSPA, Direttrice marketing Galileo e Copernicus
La Space Economy secondo la Commissione Europea
Mauro Piermaria, ASI
La Space Economy secondo l’ASI
Walter Cugno, Thales Alenia Space
La Space Economy nel mondo
Gianluigi Baldesi, ESA Commercialisation, Industry & Procurement
La Space Economy secondo l’ESA
Cristina Leone, Presidente del Cluster Tecnologico Aerospazio
La dimensione interregionale della Space Economy
Guido Saracco, Rettore del Politecnico di Torino
Le opportunità del PNRR per la ricerca e l’innovazione nell’aerospazio
Marino Fragnito, Arianespace. Direttore dell’Unità Business VEGA
Le opportunità europee di accesso allo Spazio

Chairman: Franco Malerba

Ore 13:00

Aperilunch
Farinata calda dal Forno Guggiari.
Le delizie gastronomiche
di Barattino.

Degustazione
degli olii italiani che volano sulla Stazione Spaziale
Master class
sull’olio EVO italiano a cura di Unaprol

Ore 14:30

Il primo round della Space Economy. Le grandi industrie
Cesare Lobascio, Thales Alenia Space Italia
Daniele Pozzo, RINA
Veronica La Regina, Nanoracks
Matteo Cascinari, Primo Space Fund
Fabio Nichele, Tyvak
Roberto Riccardi, FDS – Italy
Angelo Rigillo, Enel
Marco Molina, Sitael

Chairman: Franco Malerba

Ore 15:45

Il secondo round della Space Economy. Le PMI e le Stratup
Lorenzo Feruglio, AIKO
Patrizia Bagnerini, SpaceV
Mattia Barbarossa, Sidereus
Riccardo Marchetto, Neptune
Benedetta Valerio, Tumbleweed
Leo Italiano, ESA BIC Torino
Roberto Grosso, TLI Space Ventures/MaxQ Space Business

Chairman: Anilkumar Dave

Ore 17:00

Il terzo round della Space Economy. Il sistema ligure
Remo Pertica, SIIT Ligure – Sistemi Intelligenti Integrati
Bruno Sebastiano Serpico, Università di Genova
Andrea Mastinu, Engineering
Marco Cesena, Leonardo
Umberto Battista, STAM
Dario Bruna, DBSpace
Tiziano Cosso, G TER

Chairman: Anilkumar Dave

Il cibo nello Spazio per gli astronauti lontani

Cosa significa, oggi, mangiare nello Spazio? Come si fa? Di che cosa ci si alimenta? E cosa dobbiamo aspettarci nel futuro? Sotto la lente scientifica d’ingrandimento del Festival, quest’anno c’è il tema del cibo nello Spazio: un’altra importante sfida che stiamo affrontando, con l’obiettivo di renderci autonomi in orbita tramite la produzione di cibo direttamente nello Spazio.

Ore 9:00

Cesare Lobascio, Thales Alenia Space
Tecnologie e scenari di esplorazione futuri
Marta Del Bianco, ASI
Storia del cibo nello Spazio
Stefania De Pascale, Università di Napoli Federico II
Le piante e i sistemi biorigenerativi per il supporto alla vita nello Spazio
Alberto Battistelli, CNR
Il cibo spaziale: aspetti nutrizionali e nutraceutici
Fabio Tognetti, Coldiretti
L’olio italiano nello Spazio

Ore 13:00

Aperilunch
La farinata del Forno Guggiari.
Le delizie gastronomiche di Barattino.

Degustazione
degli olii italiani che volano sulla Stazione Spaziale
Master class
sull’olio EVO italiano a cura di Unaprol

Ore 15:00

Simone Macrì, Istituto Superiore della Sanità
In viaggio verso Marte: gli effetti dell’isolamento prolungato sulla psiche e sulla fisiologia umana
Gianni Ciofani, Istituto Italiano di Tecnologia
Antiossidanti tradizionali e innovativi. Possibili applicazioni per la salute dell’astronauta

Conferenza-spettacolo

Conferenza sulla fisica sbagliata nei film di Hollywood dell’astrofisico e astronomo Luca Perri, divulgatore scientifico attivo su radio, televisioni, carta stampata, festival e social networks.

Ore 16:30

Luca Perri
Nollywood. Mai andare al cinema con un fisico

Chiesa Parrocchiale San Giorgio di Busalla

Ore 9:00

Santa Messa celebrata da Don Giuseppe Tanzella-Nitti.

Villa borzino

Ore 11:00
Premiazione del concorso Itinerari spaziali
La seconda edizione del Premio organizzato dall’Associazione Festival dello Spazio in collaborazione con il SISRI (Scuola Internazionale Superiore per la Ricerca Interdisciplinare). Presentazione dei tre elaborati finalisti e nomina del vincitore.

Ore 11:45
Giuseppe Tanzella-Nitti, Pontificia Università della Santa Croce 
Le dimensioni umanistiche della ricerca scientifica

Ore 13:00
Aperilunch
Le delizie gastronomiche di Barattino.
I gelati della Gelateria Pasticceria Vicario.

Degustazione
degli olii italiani che volano sulla Stazione Spaziale
Master class
sull’olio EVO italiano a cura di Unaprol

Ore 15:00

Franco Fenoglio, Thales Alenia Space
Il programma Artemis

Ore 16:00

Cerimonia di consegna (da parte di Roberto Marcialis) del computer PC-GRID e delle bobine OESEE della missione Tethered al Museo dello Spazio di Villa Borzino

A seguire
A 30 anni dalla prima missione Tethered
Un momento “speciale” dedicato alla missione Tethered, protagonista della missione STS-46 dello Shuttle Atlantis nel 1992, con a bordo il primo astronauta italiano, Franco Malerba. Partecipano alcuni dei protagonisti di allora nel campo della scienza e dell’industria.
Andrea Allasio, Thales Alenia Space
Enrico Flamini, Università di Chieti-Pescara
Luigi Bussolino, ex Dirigente Thales Alenia Space

Moderatore: Antonio Lo Campo

ORGANIZZATO DA

Il logo dell'Associazione Festival dello Spazio

CON IL PATROCINIO DI

Rai Liguria

PARTNER

SPONSOR

MEDIA PARTNER

SUPPORTER

PARTNER SCIENTIFICI

PARTNER TECNICI