Roberto Cingolani

Robotica dalla Terra alla Luna e… oltre
ROBERTO CINGOLANIDIRETTORE IIT

Venerdì 27 Luglio ore 17:15

ROBERTO CINGOLANI

È laureato e Dottorato in Fisica all’Università di Bari, e vanta un PHD alla Scuola Normale Superiore di Pisa.

Dal 1988 al 1991 è stato membro dello staff del Max Planck Institut di Stoccarda, sotto la direzione del premio Nobel per la fisica professor Klaus von Klitzing. Dal 1991 al 1999 è stato ricercatore e poi professore associato di fisica generale presso il Dipartimento di scienza dei materiali dell’Università del Salento. Visiting Professor tra il 1997 e il 2000 presso l’Università di Tokyo e poi presso la Virginia Commonwealth University, negli Stati Uniti, diventa professore ordinario di fisica generale presso la Facoltà d’Ingegneria dell’Università del Salento, dove ha fondato e diretto il Laboratorio Nazionale di Nanotecnologie di Lecce.

Nel dicembre 2005 è chiamato a costruire e dirigere l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova, un centro di ricerca avanzata di grande rilevanza nazionale e internazionale.

Villa Borzino

Auditorium.

Il lungo viaggio della missione Cassini-Huygens è incominciato vent’anni fa, alle 4.43 di una calda notte dell’ottobre 1997. Ma la storia di quella che è la più grande e ambiziosa missione finora mai realizzata per l’esplorazione di un pianeta è incominciata molto prima, a valle del successo così come dei molti interrogativi aperti lasciati dai fly-by delle missioni Voyager. La missione, dedicata all’Astronomo italiano Gian Domenico Cassini e all’astronomo olandese Christian Huygens, è il frutto di una partnership stipulata nel 1989 fra NASA, ESA e ASI. Nell’ambito del progetto, che si è concretizzato nel lancio dell’orbiter Cassini della NASA e del lander Huygens dell’ESA, l’Italia ha assunto la responsabilità della realizzazione di uno degli elementi più critici: l’antenna ad alto guadagno (di 4 metri di diametro, nemmeno immaginabile prima). Oggi, a oltre dodici anni dalla sua entrata nell’orbita di Saturno e dalla discesa di Huygens nell’atmosfera di Titano, Cassini ha eseguito la sua ultima manovra, lasciandoci in eredità dati scientifici di ineguagliabile valore